Radio 104

La WebRadio del Liceo Cecioni di Livorno

 


Visita il sito della nostra scuola

Liceo Statale "F. Cecioni", Livorno


 

 

   
   
   
   
Radio 104

Ritorna 104 Radio, la web radio del Liceo Cecioni - Dopo un po’ di tempo rieccola, la radio del Cecioni degli studenti, per gli studenti e
per la scuola, fatta da studenti e docenti. Dà la possibilità agli studenti, di qualsiasi ordine e classe, di conoscere da vicino come funziona il mondo della radio e soprattutto dà loro voce.
E, in un’era dominata dai social network, svolge un compito importante: far capire ai ragazzi che non basta dire dove si è e cosa si fa, ma conta saper dare un messaggio comprensibile a tutti e farlo nel modo più coinvolgente possibile.

Creatività, arte, musica, letteratura, sport…uno strumento per esprimere se stessi e le proprie idee.

C’è poi la redazione, un team che lavora in network: calendarizza, incastra e gioca di squadra perché il prodotto finale sia ogni volta migliore. La redazione sceglie i testi da pubblicare, gli studenti inviano gli articoli, i filmati, gli audio, le interviste…., partendo dalla vita scolastica, le iniziative didattiche, l’attualità, la cronaca. Poi si va in onda o si registra, perché le nuove tecnologie permettono agli studenti anche di ascoltare e riascoltare il lavoro fatto prima di mandarlo in onda. Un vero e proprio lavoro di gruppo per verificare cosa è andato e cosa no, aggiustare il tiro, correggere e discutere l’audio lezione con l’aiuto dei professori.

E in questo particolare momento, come si fa?
Come stanno facendo tutte le radio, i giornali…..da casa, con collegamenti video o scambio di e mail perché….. #ilcecioninonsiferma!
Sei uno studente e vuoi far parte della redazione? Scrivi a: 104RadioLivorno@gmail.com

   
Radio 104

Una radio per l’integrazione – Questo progetto nasce per la realizzazione di una web radio finalizzata all’integrazione. Benché sia stato promosso e realizzato dai docenti del gruppo di Sostegno del Liceo Cecioni, non crediamo che si debba intendere solo come integrazione degli alunni disabili, ma di tutte le persone che gravitano in questo microcosmo (neppure troppo “micro”) che è il nostro Istituto.

Uguaglianza mi riporta alla definizione matematica per la quale  ciascun elemento può essere soltanto uguale a sé stesso. Diventa pertanto assai difficile applicare questa “regola” agli esseri umani che, per loro natura, sono diversi gli uni dagli altri. Il DNA umano possiede oltre 3 miliardi di informazioni che possono formare miliardi di miliardi di combinazioni, ma qualsiasi sia la combinazione,  otteniamo sempre lo stesso risultato: un Essere Umano! Ciascuno con le proprie esperienze, le proprie attitudini, le proprie difficoltà e insicurezze. È per questo che una vera integrazione fra tutti noi permetterà un arricchimento di ciascuno e un lavoro di squadra che, una volta che prenderà forma, potremo riguardare dicendo: “Anch’io ho partecipato e contribuito per la riuscita di questo progetto!”.

E in questo progetto noi tendiamo ad una armonia generale: non importa che tu sia il primo violino di una orchestra o il musicista in fondo all’orchestra che suona il triangolo. Quello che conta è che tutti dobbiamo partecipare secondo le nostre capacità per ottenere la sinfonia finale.

lucio vannucchi

 

 

104

Nascita di una radio Il 16 marzo 2015 nasce ufficialmente RADIO 104 anche se al momento è solo stato registrato il dominio web, il sito è ancora in costruzione e il materiale per la radio (microfoni, mixer, ecc.) non è ancora arrivato.

Ma l'entusiasmo è tanto e anche l'Uomo Vitruviano, logo della scuola, si è già messo le cuffie per ascoltare la programmazione della nuova radio.

E noi, siamo già al lavoro a reclutare volenterosi DJ, autori, tecnici e a cercare temi da trattare, personaggi da intervistare e tutte le modalità per essere operativi quando tutto sarà pronto per la prima registrazione. Già molti alunni della scuola hanno aderito con entusiasmo e altri arriveranno quando partiremo seriamente sfatando il luogo comune che i giovani di oggi non hanno interessi!

A presto!

lucio vannucchi